Sanzione di 5 milioni a Poste Italiane per mancata consegna raccomandate

22 settembre 2020

L'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha irrogato a Poste Italiane una sanzione di 5 milioni di euro, il massimo consentito dalla legge, per aver adottato una pratica commerciale scorretta in violazione del Codice del Consumo, consistente nella promozione, risultata ingannevole, di caratteristiche del servizio di recapito delle raccomandate e del servizio di Ritiro Digitale delle raccomandate.

In particolare, l'Autorità ha accertato che il tentativo di recapito delle raccomandate non viene sempre esperito con la tempistica e la certezza enfatizzate nei messaggi pubblicitari, venendo, peraltro, frequentemente effettuato con modalità diverse da quelle prescritte dalla legge. Infatti, Poste Italiane talvolta utilizza per comodità il deposito dell'avviso di giacenza della raccomandata nella cassetta postale anche quando sarebbe stato possibile consegnarla nelle mani del destinatario. Al riguardo, numerosissimi risultano essere i reclami dei consumatori che hanno segnalato il mancato tentativo di consegna delle raccomandate, anche quando avevano la certezza di essere stati presenti nella propria abitazione (si pensi ad esempio alle persone costrette a casa in quanto portatrici di handicap o per l'emergenza sanitaria durante il lockdown).

Archivio news

 

News dello studio

ott26

26/10/2020

New DPCM: Italy in semi lockdown for a month

The Italian Prime Minister issued a new Regulation, which put italy in semi-lockdown for a month in order to contein the spread of the Covid-19.This new DPCM enters in force today, and is going

ott26

26/10/2020

Gambling

On October 22, 2020, Agcom imposed a pecuniary administrative sanction against  Google Ireland Limited for the violation of the rules on the prohibition of advertising relating to games and gambling,

ott26

26/10/2020

AGCOM: SANZIONE A GOOGLE PER VIOLAZIONE DELLE NORME SULLA PUBBLICITÀ DI GIOCHI E SCOMMESSE

Agcom ha comminato una sanzione amministrativa pecuniaria nei confronti della società Google Ireland Limited per la violazione della normativa sul divieto di pubblicità relativa a giochi o scommesse