ILARIA DI BENEDETTO

ILARIA DI BENEDETTO, Senior Associate dello Studio Cugia Cuomo & Associati.

Avvocato del Foro di Roma, dal mese di ottobre 2015.

Ha conseguito la Laurea Magistrale in Giurisprudenza nell’aprile 2013 presso l’Università LUISS Guido Carli di Roma, con tesi in materia di Diritto Civile dell’Informatica dal titolo “La tutela del consumatore nei contratti del commercio elettronico”.

Nel luglio 2013, ha frequentato presso la Case Western Reserve University School of Law di Cleveland OHIO (USA) il corso “English for Legal purposes program and introduction to US Law”, conseguendo il Certificate of Completion.

Nel mese di Luglio 2017, ha conseguito il Master di secondo livello in Diritto della Concorrenza e dell’Innovazione (4th edizione – anno 2016) presso la LUISS Guido Carli.

Svolge abitualmente la propria attività professionale nell’ambito del diritto civile e commerciale, giudiziale e stragiudiziale, tutela dei consumatori ed e-commerce ed assiste regolarmente società di comunicazione elettronica avanti ai Corecom Regionali.

Sta accrescendo altresì la propria esperienza e competenza in materia di diritto delle comunicazioni elettroniche, diritto della proprietà intellettuale e della concorrenza.

Lingue conosciute

• Italiano
• Inglese

News dello studio

ago2

02/08/2019

Compensazione per volo aereo in ritardo

La Corte di giustizia dell’union europea, nella Sentenza nella causa C-502/18 CS e a. / Ceské aerolinie a.s , ha deciso che Voli in coincidenza con partenza da uno Stato membro,

ago2

02/08/2019

Responsabilità del gestore di un sito internet corredato del pulsante «Mi piace» di Facebook

La Corte di Giustizia dell’Unione Europea con la sentenza Sentenza nella causa C-40/17 , Fashion ID GmbH & Co. KG / Verbraucherzentrale NRW eV , del 29 luglio 2019 ha deciso che  Il

ago2

02/08/2019

Dati in cambio di soldi: il Garante privacy porta la questione in Europa Sotto la lente dell'Autorità la app "Weople"

Con una lettera a firma del Presidente Antonello Soro, l'Autorità Garante per la privacy ha posto all'attenzione del Comitato europeo per la protezione dei dati personali (Edpb) la questione