AGCOM: VIA LIBERA ALLA PROCEDURA PER L’ASSEGNAZIONE DI ULTERIORI FREQUENZE TERRESTRI IN AMBITO NAZIONALE

30 october 2020

Il Consiglio dell’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni, in data 29 ottobre 2020, ha approvato il provvedimento finale relativo alla procedura per l’assegnazione di “ulteriore capacità trasmissiva disponibile in ambito nazionale”, in base a quanto previsto dalla Legge di Bilancio 2019.

Con questa delibera l’Autorità prosegue dunque il percorso finalizzato alla realizzazione del cosiddetto refarming della banda 700 MHz, ossia del processo che entro giugno 2022 porterà da un lato ad assegnare queste frequenze ai servizi di comunicazione elettronica a banda larga senza fili, dall’altro lato a conferire un nuovo assetto al sistema radiotelevisivo su piattaforma digitale terrestre (nazionale e locale) alla luce della dotazione di risorse spettrali rimaste a disposizione per il servizio broadcasting.

Il provvedimento dà inoltre attuazione alle sentenze del Consiglio di Stato (n. 5928/2018 e n. 6910/2019) che hanno riconosciuto la necessità di realizzare un riequilibrio a favore della società Persidera rispetto alle posizioni degli altri operatori plurirete (Rai e Mediaset).

Conclusa la procedura nessun operatore potrà in ogni caso detenere più di 3 reti trasmissive DVB-T2 nel nuovo sistema.

News archive

 

Firm news

nov23

23/11/2020

CODICE EUROPEO DELLE COMUNICAZIONI ELETTRONICHE

Entro il 21 dicembre 2020, l’Italia e gli altri Stati membri  dovranno adottare  e pubblicare le disposizioni legislative, regolamentari e amministrative necessarie per conformarsi

nov16

16/11/2020

Coniugi Infedeli attenzione al programma Keylogger

Per la Suprema Corte di Cassazione (Cass. pen. Sez. V, 29/09/2020, n. 30735 P.G.), gli artt. 617 bis e 617 quater c.p. richiedono entrambi che le condotte in essi descritte siano attuate "fraudolentemente",

nov16

16/11/2020

Operativo il Fondo da 50 milioni di euro per le radiotelevisioni locali

È stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il decreto del Ministro dello Sviluppo economico Stefano Patuanelli che disciplina lo stanziamento dei 50 milioni di euro previsto dal “Fondo