Conferimenti in criptovalute

11 dicembre 2019

La criptovaluta, in via semplificata, si può definire coma la rappresentazione informatica di un valore, decentralizzata e digitale la cui implementazione si basa sui principi della crittografia per convalidare le transazioni e la generazione di moneta in sé.

Sul punto, il Tribunale Firenze Sez. fall., Sent., 21/01/2019, ha chiarito che le criptovalute vengono implementate su reti i cui nodi sono computer di utenti disseminati in tutto il globo. Su questi computer vengono eseguiti appositi programmi che svolgono funzioni di "portamonete" (o "portavalori digitali"), senza controlli di autorità centrali, avvenendo le transazioni e il rilascio collettivamente e in rete.

Il controllo decentralizzato di ciascuna criptovaluta funziona attraverso una tecnologia di contabilità generalizzata, una catena di blocchi o blockchain, che funge da database delle operazioni, come libro mastro distribuito, generalmente gestita da una rete peer-to-peer che aderisce collettivamente a un protocollo per la convalida di nuovi blocchi.

Una volta registrati con un particolare sistema di marcatura temporale (timestamping), i dati in un dato blocco non possono essere modificati retroattivamente senza la modifica di tutti i blocchi successivi, il che richiede la collusione della maggioranza della rete.

Il sistema sopra (sommariamente) delineato, in sostanza, fa sì che la criptovaluta possa essere "coniata" da qualunque utente e sia sfruttabile per compiere operazioni di scambio, possibili grazie ad un software open source e ad una rete peer to peer.

Sollo il profilo normativo, poi, va rilevato come di recente il legislatore nazionale abbia dato - seppur nell'ambito delle disposizioni dettate per la prevenzione dell'utilizzo del sistema finanziario a scopo di riciclaggio dei proventi di attività criminose e di finanziamento del terrorismo - una definizione di criptovaluta.

Con il D.Lgs. n. 90 del 2017 infatti, che attuala la direttiva UE n. 2015/849, modificando le definizioni dell'art. 1, comma 2, della legge antiriciclaggio, è introdotta con la lettera qq) la nozione di valuta virtuale, definita come "la rappresentazione digitale di valore, non emessa da una banca centrale o da un'autorità pubblica, non necessariamente collegata a una valuta avente corso legale, utilizzata come mezzo di scambio per l'accquisto di beni e servizi e trasferita, archiviata e negoziata elettronicamente"; il decreto poi fornisce anche una definizione dei prestatori di servizi relativi all'utilizzo di valuta virtuale, vale a dire "ogni persona fisica o giuridica che fornisce a terzi, a titolo professionale, servizi funzionali all'utilizzo, allo scambio, alla conservazione di valuta virtuale e alla loro conversione da ovvero in valute aventi corso legale".

Le criptovalute, dunque, possono essere considerate "beni" ai sensi dell'art. 810 c.c., in quanto oggetto di diritti, come riconosciuto oramai dallo stesso legislatore nazionale, che la considera anche, ma non solo, come mezzo di scambio, evidentemente in un sistema pattizio e non regolamentato, in cui i soggetti che vi partecipano, accettano - esclusivamente in via volontaria - tale funzione, con tutti i rischi che vi conseguono e derivanti dal non rappresentare la criptovaluta moneta legale o virtuale (in altre parole, non vi è alcun obbligo giuridico dei partecipanti al "microsistema" di accettare pagamenti di beni o servizi con criptovaluta).

Ancora, e questa volta sotto il profilo fiscale, la criptovaluta è stata presa in considerazione dalla Corte di Giustizia Europea (causa C-264/14, pronuncia del 22.10.2015), la quale ha riconosciuto che un'operazione di cambio di valuta tradizionale contro criptovalute e viceversa, compiute mediante pagamento della differenza tra il prezzo di acquisto delle valute e quello di vendita praticato dall'operatore ai propri clienti, costituisce, ai fini Iva, una prestazione di servizio a titolo oneroso (...)

Ferma la considerazione come mezzo di scambio, va rilevato che la criptovaluta, rappresentando in buona sostanza la digitalizzazione di un valore, per ciò solo negoziabile, può essere utilizzata anche ad altri scopi, come quello speculativo: i soggetti che accettano transazioni (da intendersi in senso ampio di operazioni di scambio/pagamento) in criptovaluta, o tra criptovalute di tipo diverso, possono ben sperare che la criptovaluta aumenti di valore quando è in loro possesso, per poi cambiarla in moneta reale (da un soggetto che sia disposto a fare tale scambio) e lucrando sulla differenza tra il prezzo di acquisto ei il prezzo di vendita, e cioè tra quanto inizialmente "investito" e quanto "ricavato" alla fine dell'operazione.

Ciò detto, ci si chiede se le criptovalute possono essere oggetto di conferimento per costituire una società o per liberare azioni o quote in un'operazione di aumento oneroso del capitale sociale in luogo del danaro. 

 La giurisprudenza si è recentemente interrogata sulla legittima di un conferimento di criptovaluta giungendo ad escluderne l'ammissibilità per una pluralità di ragioni (T. Brescia 18.7.2018). In primo luogo è stato ritenuto che tale conferimento non possa essere oggetto di valutazione non esistendo un mercato di riferimento del bene oggetto del conferimento. Inoltre, tale conferimento sarebbe inidoneo a costituire oggetto di esecuzione forzata e quindi di possibile aggressione da parte dei creditori.

Ed ancora, la Corte d'Appello Brescia Sez. I Decr., 24/10/2018 ha precisato che le criptovalute, attesa la loro volatilità, non consentono una valutazione concreta del quantum destinato alla deliberazione di aumento di capitale sottoscritto di una s.r.l. con la correlata impossibilità di procedere all'iscrizione nel registro delle imprese.

Tuttavia,  tenendo conto delle maggiori critiche giurisprudenziali, sopra citate, ai conferimenti di assets virtuali, quali appunto l’inidoneità  delle cripto valute ad essere oggetto di valutazione economica, l’esistenza di un mercato di riferimento, e l’inidoneità del bene ad essere aggredito dai creditori,   nella costituzione di Baig Reserch Senter S.r.l. - cosi’ come descritta nell’articolo del Il Sole 24 ore del 11 dicembre 2019 -   è stato previsto il  conferimento di asset virutali con doppio vincolo con due delle maggiori valute virtuali e soprattutto il ruolo di garanzia di un wallet terzo nazionale rispetto ai soggetti sottoscrittori, aprendo definitivamente la strada ai conferimenti in criptovalute.

 

 

 

Archivio news

 

News dello studio

gen13

13/01/2020

European Commission steps up protection of European intellectual property in global markets

On January 9, 2020,  the European Commission published  the latest report on protection and enforcement of Intellectual Property Rights (IPR) in third countries.  Efficient,

gen13

13/01/2020

Connected Cars

The EDPS issued its analysis related to the Connected Cars, point out that A variety of technologies fall under the term connected cars. Nowadays, many cars use sensors to measure data

gen13

13/01/2020

FinTech: Final report of the Expert Group on Regulatory Obstacles to Financial Innovation: 30 recommendations on regulation, innovation and finance

On 13 December 2019 the Expert Group on Regulatory Obstacles to Financial Innovation (ROFIEG), set up by the European Commission in June 2018, published its recommendations on how to create

News Giuridiche