Delibera n. 196/17/CIR Modifica del Piano di Numerazione di cui alla delibera n. 8/15/CIR in attuazione della legge annuale per il mercato e la concorrenza n. 124/2017 e avvio del procedimento istruttorio per eventuali ulteriori modifiche ed integrazioni

16 marzo 2018

In data 15 marzo 2017, Agcom ha pubblicato la delibera 196/17/cons con cui ha modificato il Piano Nazione di Numerazione in attuazione della legge annuale sulla concorrenza del 2017 introduce, con i commi 55 e 130 dell’articolo 1.

Con la citata delibera viene ggiunto il seguente comma 7 all’art. 15 dell’allegato A, alla delibera n. 8/15/CIR, il cui titolo è modificato come segue: Numeri per servizi di assistenza clienti "customer care" per i clienti dei fornitori di servizi di comunicazione elettronica e di istituti bancari, di imprese di assicurazione e di società di carte di credito:

7. “Per fornire i servizi di assistenza ai clienti di cui alla legge n. 124/2017, art. 1, comma 130 possono essere utilizzate le numerazioni geografiche, di cui all’articolo 7, e le numerazioni per servizi di addebito al chiamato di cui al successivo articolo 16”.

Inoltre, con la medesima misura Agcom ha avviato procedimento avente ad oggetto la modifica ed integrazione del “Piano di numerazione nel settore delle telecomunicazioni e disciplina attuativa”, di cui alla delibera n. 8/15/CIR.

 

Archivio news

 

News dello studio

gen15

15/01/2019

Auto Senza Conducente

In data 15 gennaio 2019, i deputati del Parlamento Europeo hanno dichiarato di accogliere  con favore lo sviluppo della mobilità automatizzata, ma chiedono ulteriori sforzi per garantire

gen14

14/01/2019

Horizon 2020: Bando da 18 milioni di euro per la privacy digitale

Con il bando Horizon 2020 “Topic: Digital security and privacy for citizens and Small and medium enterprises and Micro enterprises”,  la Commissione europea si impegna a finanziare

gen14

14/01/2019

Accesso Abusivo a sistema informatico

Per la Suprema Corte di Cassazione ( Cass. pen. Sez. V, Sent., (ud. 29/11/2018) 08-01-2019, n. 565) costiutisce reato di accesso abusivo informatico la condotta  dell’imputato, dipendente