Accesso ai dati

04 febbraio 2019

In relazione alla "copia" dei dati personali oggetto del trattamento, come evidenziato dalla Suprema Corte di Cassazione all'interno dell'Ordinanza del 14 dicembre 2018, n. 32533, l'indirizzo intrapreso dalla disciplina europea, a differenza della previgente disciplina nazionale, è quello di riconoscere la legittimità dell'interessato a ricevere "copia dei documenti contenenti i propri dati personali", nell'ambito dell'esercizio del diritto di accesso (v. art. 15 (4) del GDPR) indipendentemente dal fatto che sia o meno difficoltosa l'estrazione dei dati richiesti, salvo che questo non leda i diritti e le libertà altrui.

Fonte: Leggi d'Italia

 

 

Archivio news

 

News dello studio

feb13

13/02/2019

Blockchain e Smart Contract

E' stata pubblicata in Gazzetta (G.U.R.I. n. 36 del 12.02.2019), la LEGGE 11 febbraio 2019, n. 12 recante conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 14 dicembre 2018, n. 135, recante

feb13

13/02/2019

The General Court annuls EUIPO’s decision refusing registration of the figurative mark ‘Chiara Ferragni’ as an EU trade mark

According to the General Court of EU, Judgment in Case T-647/17, the average consumer perceives a mark as a whole and the mark applied for is a composite mark composed of both word and figurative elements.

feb8

08/02/2019

Sicurezza nelle reti tlc

E’ stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale (n. 17 del 21 gennaio 2019)  il decreto del Mise, recante Misure di sicurezza ed integrita' delle reti di comunicazione elettronica e notifica